“DAMMI , O SIGNORE, DI MANIFESTARTI CON I FATTI LA MIA GRATITUDINE”

suormargheritaMaria Margherita Caiani nasce a Poggio a Caiano (Po) il 2 novembre 1863 e muore a Montughi –Fi- l’8 agosto 1921. Matura la vocazione religiosa fra la sua gente con la quale condivide vicende, attese e speranze. Dopo un lungo cammino di ricerca, il 15 dicembre 1902, veste l’abito religioso con cinque sue compagne e dà origine all’Istituto delle Minime Suore del Sacro Cuore Francescane.

La contemplazione di Dio nella piccolezza del presepe, nell’umiltà della Eucarestia e nella sofferenza della croce, semina nella “terra” di Sr M. Margherita, il desiderio di conformarsi al Cuore trafitto e di annunciarne il suo amore.

Riconosciuta dalla Chiesa, donna di virtù eroiche, apostola di carità, viene proclamata Beata dal Sommo Pontefice Giovanni Paolo II, il 23 aprile 1989.


DOVE OPERIAMO
L’Istituto, fondato dalla Beata M. Margherita Caiani, attualmente è presente anche in Egitto, in Brasile, a Betlemme, in Sri Lanka ed esprime il suo carisma attraverso il servizio educativo nelle scuole dell’infanzia e primarie e le attività parrocchiali. L’accoglienza in strutture adeguate per minori in difficoltà e il ministero della consolazione nelle case di riposo, danno concretezza al desiderio della Fondatrice di donarsi a tutto l’uomo “dalla culla alla tomba”.


CARISMA
Il Cuore di Gesù è stato, per Madre Caiani, l’unico punto di riferimento. Gesù ha insegnato e operato spinto sempre dalla pienezza del suo Cuore da cui sono scaturite la misericordia verso i peccatori, la compassione e la sensibilità per gli ammalati, la mansuetudine per i nemici, la tenerezza e la dolcezza per i bambini, la confidenza e l’amicizia con i discepoli, la dedizione nell’impegno apostolico. Madre Caiani, contemplando spesso il Divino Esemplare cercava di imitarne soprattutto i sentimenti di umiltà e di mitezza, rendendosi per tutti presenza affabile, disponibile, semplice.

In quanto “donna di cuore”, ha impostato la sua vita spirituale attingendo all’Eucarestia, centro della sua vita, quella forza necessaria per condividere le sofferenze dei fratelli, specialmente dei più poveri e abbandonati.

Il carisma di Madre Caiani, oggi, raccoglie la sfida della inculturazione e, alimentandosi di preghiera, vissuto nella vita fraterna, motiva le Minime Suore a “farsi tutte a tutti”.


LE MINIME SUORE NELLA PARROCCHIA DI SANTA RITA
Dal 3 ottobre 2007, la comunità delle Minime si trova ad operare, a tempo pieno, nella Parrocchia di “S. RITA” in Viareggio, per desiderio del parroco Don Luigi Pellegrini, col quale collabora in tutte le attività pastorali. La comunità è formata da 3 membri.

Uno dei motivi che ha indotto Don Luigi a scegliere le Minime Suore come collaboratrici nella sua Parrocchia è da attribuirsi al fatto che proprio a Viareggio, il 19 novembre 1946, nell’allora Ospedale Tabarracci, Madre Caiani, per la potenza di Dio, ottenne la guarigione prodigiosa della signora Alice Poli, affetta da “malattia tubercolare con linfoadenite e peritonite diffusa di tipo fibroadesivo. Sindrome subocclusiva”


DIAMO LA PAROLA ALLE SUORE
LA NOSTRA GIORNATA
Iniziamo la nostra giornata con la meditazione comunitaria, a cui segue la celebrazione di Lodi alle ore 8.00 con la comunità parrocchiale.

Nel pomeriggio, ancora con la comunità parrocchiale, partecipiamo alla recita del rosario e alla Eucarestia. Nei tempi forti, due volte la settimana, celebriamo l’Ufficio delle letture. Il sabato mattina facciamo la condivisione comunitaria sulla Parola di Dio della domenica. Ogni venerdì partecipiamo all’adorazione eucaristica con la comunità parrocchiale e il primo giovedì del mese viviamo l’Ora Santa dalle ore 23-24, una delle pratiche tradizionali della spiritualità del Sacro Cuore.

Nella vita di fraternità cerchiamo di curare lo stile delle relazioni, tenendo presenti le parole esortative della nostra Beata Madre Fondatrice “Amatevi con quella stessa squisita carità che viene dal Cuore di Gesù”.

Nella vita apostolica vogliamo godere e ringraziare per quanto la Provvidenza ci dona, desideriamo vivere con stile sobrio, riconciliato sia tra noi, sia rendendoci strumenti di riconciliazione.

Nei diversi ambiti pastorali: catechetico, liturgico, caritativo, in risposta alle richieste e alle proposte del parroco, cerchiamo di essere presenza che sostiene, incoraggia, consola; nello specifico: dal lunedì al venerdì ci alterniamo nell’animazione e nei gruppi di servizio agli anziani e ai diversamente abili. Dal lunedì al sabato pomeriggio siamo presenti nel campetto-oratorio della parrocchia.

Siamo grate a questa Comunità di Santa Rita per aver fatto dono, per Grazia di Dio al nostro Istituto, di due Vocazioni: Sr. Chiara Bertuccelli (professa-semplice) e Adelina Greco(secondo anno di noviziato).

Rinnoviamo il nostro grazie riconoscente a Don Luigi che continuamente ci offre l’opportunità di poter esprimere, pur nella semplicità dei nostri servizi, quel programma di vita concretizzato dalla nostra prima Madre e lasciatoci in eredità:

O GESÙ, FA’ CHE PIÙ TI CONOSCA E PIÙ TI AMI

TESTIMONIANZA VOCAZIONALE DALLA CASA DELLE MINIME DEL SACRO CUORE NOVIZIATO A CHIUSI DELLA VERNA
dove Chiara e Adelina nostre parrocchiane, stanno vivendo il loro cammino di Formazione alla risposta Vocazionale:

Commenti
Condividi: